Pavel Zalud
Quartet
Pavel Zalud Orchestra
11 strumenti originali
 
 
 

La musica a Terezin
Music at Terezin 

fotoAktualita264

L’ex deportato Ruth Kluger ha osservato che «A Theresienstadt la cultura aveva un valore enorme». Nel ghetto sono nati e cresciuti numerosi cori, gruppi di cabaret, orchestre di musica classica e popolare. Era attiva perfino la critica musicale, nonché lezioni di musica e di teoria musicale, in particolare ad opera di Viktor Ulmann. Si potevano ascoltare le opere sinfoniche e da camera di Mozart, Beethoven, Brahms, Janácek e Suk, oltre a oratori, canti religiosi e nazionali, e opere come Carmen, Tosca. Chi era in possesso di una rara autorizzazione, poteva passare due ore nel caffè musicale che era stato aperto l’8 dicembre 1942, e ascoltare musica popolare e swing.

A Terezín sono stati composti nuovi e originali pezzi di musica negli stili più diversi. Molti degli artisti imprigionati hanno cercato di mantenere la propria identità musicale attraverso lo studio e la prosecuzione della loro attività. Alcuni tra loro sono stati esonerati dai lavori del campo per essere inseriti nella cosiddetta “Divisione Svago” (Freizeitgestaltung).

07b teatro copia
07b teatro

I momenti di cultura erano in netto contrasto con il tentativo quotidiano di sopravvivere. Vista la loro utilità a scopo di propaganda, la direzione SS del ghetto non solo tollerava, ma anzi accolse spesso con favore la vita culturale dei prigionieri. Nel dicembre 1943 cominciò il cosiddetto “abbellimento della città” (Stadtverschönerung). L’obiettivo dei nazisti era di mostrare Theresienstadt al mondo, e in particolare agli ispettori della Croce Rossa Internazionale, come un modello di insediamento ebraico. Proprio durante la visita di una commissione della Croce Rossa, i musicisti detenuti hanno eseguito il Requiem di Verdi e l’opera per bambini Brundibár di Krása.

Il film di propaganda Theresienstadt. Ein Dokumentarfilm aus dem Jüdischen Siedlungsgebiet (Theresienstadt: un documentario della zona di insediamento ebraico), realizzato dai nazisti tra l’agosto e il settembre del 1944, ha uno scopo di propaganda simile. Per l’occasione, i nazisti utilizzarono gli strumenti Zalud recuperati dal magazzino non lontano da Terezín.

Nelle operazioni di liquidazione del ghetto, dal 28 settembre al 28 ottobre 1944, gran parte dei musicisti vennero deportati ad Auschwitz, tra i quali i compositori Pavel Haas, Hans Krasa, Gideon Klein e Viktor Ullmann. In seguito e per le stesse ragioni propagandistiche, la vita culturale è stata ricostruita a Theresienstadt, con l’aiuto dei restanti detenuti e dei prigionieri appena arrivati.

Questo sito usa i cookie (anche di terze parti), per fornirti una migliore esperienza di navigazione. Continuando a navigare o cliccando su “accetta” ne consenti l'utilizzo. maggiori informazioni

Che cosa sono i cookie?
Un cookie è un piccolo file di lettere e numeri che può essere memorizzato sul tuo browser o sul disco fisso del tuo computer quando visiti il nostro sito web. I cookie contengono informazioni sulle tue visite al suddetto sito web.

Cookie di terze parti
Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato (prima parte), sia da siti gestiti da altre organizzazioni (terze parti). Esempi notevoli sono la presenza di “embed” video o “social plugin” da servizi di social network. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da terze parti è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.

Informative
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.

Twitter informativa: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security

Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.

Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato: https://www.google.it/policies/privacy/partners/
 
Come modificare le impostazioni sui cookie
La maggior parte dei browser permette di cancellare i cookie dal disco fisso del computer, di bloccare l’accettazione dei cookie o di ricevere un avviso prima che un cookie venga memorizzato. Come modificare le impostazioni per:
Google Chrome
Mozilla Firefox
Internet Explorer
Safari

Garante della Privacy sui Cookie: http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884
Informativa e consenso per l’uso dei cookie http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/2142939
Faq in materia di cookie http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/2142939

chiudi